CADA

chimica applicata depurazione acque

italiano English
Quantificazione di microinquinanti Monitoraggi ambientali Controlli di processo Microbiologia ed ecotossicologia Servizi tecnici Formazione e consulenza formativa Ricerca e sviluppo

Monitoraggi Ambientali e Opere Infrastrutturali

attrezzature e consulenze in campo

Data: 21 Gennaio 2014

  Monitoraggi acque di mare ed analisi sedimenti

      

Laboratorio Mobile di supporto ad attività di prelievo e misure da campo su matrici solide e liquide


                                

 

Verifica Calibrazione sonde Multiparametriche per il monitoraggio di acque mare

 

                       lavori in ambiti portuali                                                                                                    

 

Prelievo ed analisi chimico fisica e microbiologica di sedimenti, suoli e sottosuoli

 

Sistema di campionamento manuale di suoli/rifiuti per la determinazione di composti volatili                                                                                                        

     Prelievo indisturbato di campioni da matrici solide       

         Campionamento di rifiuti solidi da cumuli

Prelievo Sedimenti e/o Corpi di Fondo con Benna          

 

Campionamento di campioni indisturbati di “sedimenti marini” e/o fluviali

 

          Carotiere in fase di prelievo               

Carotiere Ambientale per Sottosuoli          

 

Misure da campo - Determinazione dei composti volati Presenti in campioni di suoli/rifiuti/sedimenti mediante analizzatore portatile PID

        

                                                        Rilevamenti meteo climatici     

 

Consulenza Tecnico Analitica e Tecnico Amministrativa per il Conforme Esercizio dei Cantieri di Lavoro di “Grandi Opere”
La cantierizzazione delle opere per la realizzazione Strutture civili, Industriali ed Infrastrutture in genere, pone anche una definita serie di adempimenti connessi con il rispetto delle norme poste a tutela delle matrici ambientali direttamente connesse con le opere da realizzare.
Caratterizzazione chimico-fisica di “terre e rocce da scavo” col fine di accertarne la compatibilità con reimpieghi per rimodellamento geomorfologico e/o miglioramento agronomico in quanto “Non Rifiuto” (Sottoprodotto).
Caratterizzazione chimico fisica di base dei “rifiuti” prodotti.
Prelievo di aliquote rappresentative di campioni di rifiuti rinvenuti nelle fasi di escavazione e/o prodotti dalle attività di cantiere (nel rispetto della norma UNI 10802 con l’ausilio utensili vari) al fine di poterli caratterizzare dal punto di vista chimico fisico, assegnare il conforme Codice CER ed avviarli verso gli idonei impianti di “recupero” e/o “smaltimento”.A tal fine, nei casi ritenuti necessari, si dovrà accertare la compatibilità di “ammissione” dello specifico rifiuto con l’impianto destinato al suo “recupero” e/o “smaltimento” con particolare riferimento alla determinazione quantitativa dei singoli analiti presenti negli “eluati” di cessione.

                

 

Caratterizzazione chimico fisica e merceologica di base dei “rifiuti” prodotti.

Verifica delle caratteristiche chimico fisiche e merceologiche di rifiuti al fine della conforme assegnazione del Codice CER e successivo avvio verso gli idonei impianti di “recupero” e/o “smaltimento

               

 

Procedure di “Ripristino dei Luoghi”, “Bonifica” e/o “Messa in Sicurezza Operativa” nell’ambito di avvenute e/o constatate contaminazioni di singole matrici ambientali connesse con i lavori del cantiere.

               

 

Verifica preliminare, in situ, nell’ambito di riscontrate fasi di presunta contaminazione del suolo, sottosuolo e/o acque sotterranee, col fine di valutare la necessità o meno di attivare procedure alternative di “ripristino dei luoghi” dalla presenza di specifici rifiuti e/o di “bonifica” delle matrici ambientali da essi contaminate per il tramite di appropriate “indagini preliminari”, “messe in sicurezza operative” attivando procedure ordinarie e/o semplificate in relazione alla estensione della presunta contaminazione. Attivazione, pertanto, di tutti gli iter procedurali tecnico-amministrativi finalizzati al conforme esercizio delle attività di ripristino e/o bonifica.

                

 

Caratterizzazione chimico fisica Fanghi di dragaggio di Siti Contaminati d’Interesse nazionale da specifiche attività di cantiere (vasche di deposito temporaneo per il prelievo campioni).

     prelievo con benna polpo                    

                prelievo con carotiere statico

 

Caratterizzazione chimico fisica sedimenti marini e/o fanghi di dragaggio ai fini della loro conforme gestione come sottoprodotti e/o rifiuti

Caratterizzazione fanghi durante fase di colmata in bacino alimentato  con sorbona

                    

 

Caratterizzazione Fanghi e/o Sedimenti durante le fasi di estrazione con Pontone e munito di benna a polpo o Trivella

                  

Monitoraggi ambientali in ambiti marini e/o lacustri 

                   

 

Misura in continuo, con l’ausilio di n° 3 “Laboratori Mobili” della qualità dell’aria, del rumore e delle vibrazioni prodotte nell’ambito dell’attività di cantiere.
 

Determinazione in continuo, 24/24 ore, di CO, NO-NO2-NOx, O3, SO2, PM Totali, PM10, PM 2,5, Idrocarburi Metanici HC/NMHN e non Metanici BTX, Parametri meteorologici, rumore e vibrazioni.  

                

 

Misura in continuo del rumore e delle vibrazioni prodotte nell’ambito dell’attività di cantiere.
Le attività di monitoraggio ambientale attraverso l’uso di n° 6 stazioni di monitoraggio acustico di tipo non presidiato, dotate di sistemi di misura debitamente tarati secondo le norme in vigore e di centraline meteo climatiche necessarie per verificare l’attendibilità dei dati rilevati.                              

 Le attività di monitoraggio delle vibrazioni prevedono l’effettuazione di una serie di misure finalizzate a valutare l’effetto del disturbo sulle persone e l’effetto delle vibrazioni sugli edifici con una campagna di misure attraverso l’uso di n° 1 stazione di monitoraggio autonoma, dotata di sistemi di misura debitamente tarati e periodicamente verificati secondo le norme in vigore


Monitoraggio dei campi elettromagnetici nell’ambito dell’attività di cantiere.
Le attività di monitoraggio dei campi magnetici in bassa frequenza prevedono l’effettuazione di una serie di misure finalizzate a valutare l’intensità dei campi  magnetici sulle 24 ore, in corrispondenza delle aree ove verranno collocate le sottostazioni elettriche, attraverso l’uso di n° 1 stazione di monitoraggio autonoma, dotata di sistemi di misura debitamente tarati e verificati secondo le norme in vigore.

Nel merito dei suddetti servizi di monitoraggio, la “Chimica Applicata Depurazione Acque (C.A.D.A.) s.n.c. di Filippo Giglio & C.”, precisa che essa è in grado, per il tramite del suo laboratorio,
di eseguire tutte le singole prove chimiche e fisiche richieste in conformità alle norme UNI CEI EN ISO/IEC 17025 (ex 45001) in quanto lo stesso laboratorio, per dette prove, risulta formalmente Accreditato col n° 0439 dal Competente “Sistema Nazionale di Accreditamento Laboratori” SINAL.

 

Ultime notizie

©Copyright 2011/17 - cadaonline.it - credits: mblabs.net